San Ferdinando di Puglia (BT)

  
itenfrderorues

Mailing List

Iscriviti alla mailing list per ricevere le news ed essere aggiornato sulle nostre iniziative ed eventi.



Inserisci il tuo nome e la tua email e clicca su "iscriviti".
Joomla Extensions powered by Joobi

Login

Visitatori

063329
Oggi
Ieri
Questo mese
Totale
406
384
1622
63329
21:19 05-12-2019

BIBLIOTECA PARROCCHIALE “DON LORENZO MILANI”

REGOLAMENTO

 

Configurazione giuridica

1. La Biblioteca Parrocchiale “Don Lorenzo Milani” è un istituto culturale di proprietà della Parrocchia San Ferdinando Re di San Ferdinando di Puglia e s’inserisce nel più ampio circuito delle biblioteche ecclesiastiche della diocesi di Trani, che sono finalizzate alla costruzione di una società più rispettosa della persona umana e dei valori di bellezza, libertà, giustizia e cultura della solidarietà.

2. La Biblioteca "Don Lorenzo Milani", fondata il 29 ottobre 2018 dal parroco, Mons. Domenico Marrone, che ne è il rappresentante legale pro tempore, ha sede in San Ferdinando di Puglia in via della Speranza n. 3 - 5

 

Finalità

3. La Biblioteca Parrocchiale ha lo scopo di offrire agli utenti uno strumento d'informazione, di crescita ed approfondimento culturale e di consultazione, mediante il suo patrimonio librario specifico, la rete internet, un programma di attività annuale, ed in accordo con lo Statuto delle Biblioteche Ecclesiastiche riveniente dall’accordo del 18 aprile 2000 tra la presidenza della CEI ed il Ministero per i beni ambientali e culturali e lo Statuto delle biblioteche promulgato dall’Arcivescovo dell’Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie il 14 settembre 2002
Patrimonio librario

4. ll patrimonio librario della Biblioteca parrocchiale è formato dalla donazione del fondo librario del parroco Mons. Domenico Marrone, dal lascito del Vescovo Giovan Battista Pichierri e da altri lasciti di privati.

5. Il patrimonio librario può essere incrementato attraverso acquisti, donazioni, lasciti testamentari di soggetti privati o pubblici, o liberalità in denaro rivenienti da soggetti privati che abbiano come causale l’acquisto di testi o servizi per la biblioteca.

6. All'atto dell'acquisizione i singoli volumi sono contrassegnati con il timbro o altro marchio indelebile della biblioteca, evitando in ogni caso alterazioni e danneggiamenti; sono altresì registrati nell’apposito registro di ingresso con l'annotazione del numero progressivo e della provenienza.

7. I volumi depositati nella Biblioteca sono catalogati e ordinati secondo una opportuna classificazione, secondo le regole della biblioteconomia, mediante l'uso di appropriati sistemi informatici.

8. Il catalogo viene costantemente aggiornato da personale qualificato in modo da facilitare la gestione del materiale e le ricerche.

9. E’ possibile consultare la rete internet per informazioni, ricerche, approfondimenti e quant’altro non contrasti con le finalità della biblioteca.

 

Organi e personale

10. La Biblioteca parrocchiale è amministrata dal parroco pro tempore, nella sua qualità di legale rappresentante dell'Ente proprietario. La conduzione e la gestione concreta della Biblioteca è affidata ad un responsabile, costituito da persona idonea e qualificata, nominata dal parroco pro tempore, annualmente.

11. Sono compiti del responsabile della Biblioteca:
- elaborare il programma annuale dell'attività della Biblioteca;
- fissare i criteri per l'acquisto del materiale librario;
- proporre eventuali modifiche al presente Regolamento.
- provvedere all'organizzazione generale della Biblioteca;
- rispondere della consistenza e della conservazione di tutto il materiale di proprietà della Biblioteca;
- provvedere alla catalogazione dei nuovi ingressi;
- curare l'attuazione del programma delle attività culturali.

12. Il Responsabile si avvale dell'opera di collaboratori per la custodia, la vigilanza e l'apertura della biblioteca; egli è supportato da un gruppo di volontari che compongono il Centro Culturale Parrocchiale “Giovanni Paolo II” e da collaboratori idonei e qualificati, quale personale volontario. I collaboratori sono tenuti a rispettare le indicazioni e le prescrizioni del Responsabile.

13. Può essere istituito un Consiglio della Biblioteca con il compito di coadiuvare il Rappresentante legale pro tempore nell’analisi dei provvedimenti di ordine generale riguardanti il regolamento ed ogni altro aspetto inerente ai servizi che la biblioteca eroga.

 

Accesso e orari di apertura

14. L'accesso e la consultazione della Biblioteca parrocchiale sono liberi e gratuiti.

15. L’orario di apertura e chiusura della Biblioteca è il seguente: dal lunedì al venerdì non festivi di ogni settimana dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00.

 

Consultazione

16. La consultazione del patrimonio librario è consentita con ampia libertà. Deve avvenire nella sala di lettura e alla presenza del personale incaricato. L'utente è tenuto a segnalare la propria presenza apponendo la firma sull'apposito registro e compilando la prima volta soltanto la scheda di registrazione, che dovrà comunque essere aggiornata annualmente. È garantito il rispetto delle norme vigenti in materia di trattamento dei dati personali con particolare attenzione alla legge sulla privacy.

17. L'utente è tenuto a prendere visione del regolamento della Biblioteca, esposto all’ ingresso della medesima, e impegnarsi ad osservarne rigorosamente le norme.

18. È consentita la consultazione di un'unità libraria per volta, salvo diversa autorizzazione rilasciata dal Responsabile.

19. Per ciascuna opera da consultare la richiesta va fatta indicando chiaramente, sull'apposita scheda distribuita dal personale presente, l'autore, il titolo, l'edizione, il volume e la sua segnatura, nonché i dati anagrafici, la professione e l'indirizzo di chi ne fa richiesta.

20. Il materiale dato in consultazione deve essere maneggiato con cautela per prevenire ogni forma di deterioramento. Chi danneggia o smarrisce il materiale a lui affidato in consultazione o in prestito deve procurare un esemplare integro e in buone condizioni, ovvero rifondere una cifra pari al valore aggiornato del pezzo danneggiato o smarrito.

21. Il prestito è personale: l’utente è tenuto a non affidare o a cedere ad altri libri o altri documenti avuti in prestito.

22. La durata del prestito è, di norma, pari a 30 giorni e può essere rinnovato.

23. Agli utenti può essere revocato l'accesso alla biblioteca nel caso in cu dimostrino di non maneggiare con la debita cura il materiale in consultazione.

24. Le ricerche sui cataloghi vengono eseguite direttamente dagli utenti, che possono chiedere l'assistenza del personale della Biblioteca.

25. Nella sala di lettura è indispensabile mantenere un clima di silenzio, in modo da consentire lo studio e la concentrazione di tutti gli utenti.

26. L'uso di libri personali, che dovranno in ogni caso essere verificati dal personale all’ ingresso e all'uscita dalla sala, è consentito solo come ausilio per lo studio di documenti effettivamente consultati nella biblioteca.

27. Oltre a quelli presenti, può essere ammesso l'uso di computer portatili; si declina però ogni responsabilità per eventuali danneggiamenti arrecati agli apparecchi e/o ai dati in essi contenuti dalla connessione all’ impianto elettrico. I singoli utenti sono in ogni caso responsabili dei danni arrecati dai loro apparecchi a persone o a cose.

28. L’accesso alle risorse elettroniche (libri e periodici elettronici), acquisite in licenza dalla Biblioteca, è fornito tramite la rete internet, sia wireless sia con postazioni fisse.

29. Nessun utente può uscire dalla Biblioteca senza aver prima restituito le opere ricevute, salvo il caso di prestito.

30. Lo studioso che, a seguito della consultazione della Biblioteca, realizza pubblicazioni o tesi di laurea, è invitato a consegnare una copia del suo lavoro su supporto cartaceo o digitale.

31.  È a tutti rigorosamente vietato:
- consumare cibi o bevande;
- entrare o trattenersi nella sala di lettura per fini estranei agli scopi della biblioteca;
- far segni o scrivere sulle opere in consultazione, e qualsiasi altra manipolazione che possa pregiudicare l’integrità e la corretta conservazione del materiale librario e le suppellettili della Biblioteca.

32. Chi trasgredisse la disciplina della Biblioteca o assumesse comportamenti non consoni all’ambiente potrà essere allontanato dalla medesima e non essere più ammesso alla consultazione.

33. Fatta salva la responsabilità civile e penale, chi si rende colpevole di sottrazione di opere o, intenzionalmente, di danneggiamenti nei riguardi della Biblioteca o commetta altre gravi mancanze nei locali della stessa, viene escluso definitivamente dall'accesso nella Biblioteca.

 

Prestiti

34. La Biblioteca può concedere il prestito del materiale bibliografico, restando esclusi il materiale raro e di pregio, le opere di consultazione, i periodici e il materiale d'archivio.
35. Per accedere al prestito deve essere compilata apposita scheda/tessera.

36. Il responsabile fissa le condizioni e la durata del prestito. Eventuali ritardi nella riconsegna possono comportare pene pecuniarie proporzionali e, nei casi più gravi, l'esclusione dal servizio.

 

Riproduzioni

37. Dietro compilazione di apposito modulo di domanda e nel rispetto della normativa vigente il Responsabile può concedere la riproduzione fotostatica di parte dei volumi.

38. Le riproduzioni di ogni tipo sono concesse esclusivamente per motivi di studio, con le limitazioni e nel rispetto delle norme nazionali e internazionali vigenti in materia di diritti d'autore e di proprietà. Chi ha ottenuto di realizzare le riproduzioni si impegna a rispettare dette norme e si assume ogni responsabilità derivante dall'uso illecito delle medesime riproduzioni, operato anche da terzi.

39. Pur conservando la propria autonomia, la Biblioteca “Don Lorenzo Milani” avrà cura di instaurare rapporti di necessaria e cordiale collaborazione con le biblioteche del territorio (Parrocchiali, Comunale e Scolastiche) e con le altre biblioteche ecclesiastiche della diocesi e, auspicabilmente, con le Biblioteche di Stato.

40. La Biblioteca cercherà in modo costante ogni possibile sinergia con i gruppi parrocchiali, nonché con associazioni, enti ed istituzioni del territorio, rispettando la loro autonomia d’azione.

Biblioteca don Lorenzo Milani - via Della Speranza, 5-7 - 76017 San Ferdinando di Puglia (BT)

Tel. 0883 760492 - Email: bibliotecadonmilani@libero.it